Ora è proprio casa nostra nel pieno dell’incendio

Non so ancora bene cosa faccia più male, se vedere un così grande impegno umano e professionale che da scarsi risultati clinici, se vedere persone morire senza i propri cari accanto, se sentire i parenti di qualcuno spiegandogli come vada il proprio congiunto, o se stare in isolamento dai propri figli e dalle proprie famiglie…ho fatto numerose missioni umanitarie, ho vissuto situazioni simili…ma sempre con l’inconscia consapevolezza che sarei tornato a casa,dove tutto sarebbe stato più umano e “normale”. Ma ora che è proprio casa nostra nel pieno dell’incendio cambia tutto… dobbiamo restare uniti, lavorare e supportarci per vedere una fine e poter tornare alle nostre case e alla nostra “normalità “… questo è speranza, trasformiamolo in realtà… non molliamo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi