Svegliarsi con un buco in gola

Lavoro come anestesista da tre anni, ho lavorato nell’emergenza per 6 e poi ho deciso di provare il concorso per il tempo indeterminato, mi sono quindi imbarcata in questa nuova avventura. Dopo tre anni di esperienza principalmente in sala operatoria è arrivata l’emergenza COVID-19 che ha comportato riscoprirmi medico rianimatore. Tutto difficile ma stimolante. il lavoro nei reparti COVID è faticoso, il paziente è fragile e in equilibrio precario tra la vita e la morte, sedato per la maggior parte del tempo, quando finalmente è pronto allo svezzamento, arriva la fase più delicata il risveglio…molti di loro si addormentano inconsapevoli di ciò che li attende, senza poter salutare i propri cari, senza sapere se si risveglieranno… e la maggior parte inconsapevoli del fatto che probabilmente al risveglio avranno un buco in gola… questo è il momento più delicato, il paziente è spaesato, solo, senza il conforto dei familiari, vede intorno a se solo persone mascherate da astronauti, lo sguardo è vuoto, la paura tanta. In questi momenti dobbiamo trovare la forza di sorridere talmente tanto bene da lasciar trasparire il nostro conforto anche attraverso le maschere ffp2 e ffp3, i nostri occhi devono essere capaci di trasmettere amore e coraggio anche attraverso le maschere che li coprono, le nostre mani devono riuscire a infondere calore e forza anche attraverso tre paia di guanti. E’ questa la cosa difficile, clinicamente è un paziente critico come ce ne sono molti, ma psicologicamente è una persona profondamente provata. la nostra bravura deve spesso essere espressa con la capacità empatica di comunicare.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi